x

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al corretto funzionamento del sito web. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all’uso dei cookie.

Matteo – IIMC – India

Progetto di innovazione sociale

Ottobre 2016

“Buongiorno a tutti, sono Matteo, un ingegnere gestionale del Politecnico di Milano. Sono appena tornato da Kolkata (India) dove mi sono recato in missione per reperire i dati necessari per la stesura del report annuale di IIMC - Indian Institute for Mother and Child.

Grazie alle competenze acquisite durante il mio corso di studi mi è stato facile riconoscere la struttura organizzativa e la divisione in business units. Per collezionare i dati necessari è stato fondamentale sviluppare capacità relazionali diverse da quelle a cui siamo abituati a causa di una profonda diversità culturale rispetto alla nostra. Questo ha consentito di ampliare le mie conoscenze e lamia capacità di adattamento ad una diversa realtà. Ad esempio in India sono soliti tenere i dati in registri cartacei e solo pochi di essi sono stati digitalizzati con tutte le problematiche che questo comporta. Inoltre sono piuttosto inclini a rinviare il lavoro al giorno dopo, motivo per il quale mi sono trovato costretto ad inseguirli per ottenere i dati il prima possibile.

Tutto questo all’inizio ti sembra assurdo e inspiegabile ma man mano che conosci questa realtà inizi a comprendere quanto rappresenti solo un problema di facciata e di facile soluzione. Dovendo interagire con le molteplici unità sono venuto a conoscenza di tutti meccanismi che regolano l’organizzazione e di tutti i progetti in essere o in divenire fino a sentirmi parte della stessa. Tanto è che mi hanno chiesto di collaborare e di proporre idee per alcuni di essi. In conclusione, considero questa esperienza come molto rilevante sia dal punto di vista formativo che da quello umano e la consiglio a chiunque. Imparerete come vivere la giornata e come essere sorridenti davanti alle difficoltà (proprio come fanno gli indiani) e alla fine di tutto lascerete l’India con il rimpianto di non aver conosciuto abbastanza e con la promessa di tornarci nuovamente.”

Matteo

Esplora il progetto qui